Shopping di famiglia: come scegliere le scarpe migliori per i bambini

by / Scrivi un commento
MIGLIORI-SCARPE-PER-BAMBINI

La fine dell’estate coincide con l’inizio della scuola e il ritorno alla routine quotidiana per molte famiglie. Con la ripresa di tutte le attività e il cambio di temperature, fare shopping di famiglia è necessario per poter aggiornare i guardaroba di tutti, in base a occasioni d’uso, cambio di taglia e usura dei capi.

In particolare, mamma e papà devono aggiornare il guardaroba dei piccoli di casa quasi ogni stagione. I bambini crescono e cambiano le loro necessità. Spesso, però, scegliere le migliori scarpe per bambini diventa complicato.

Ti spieghiamo come fare in questa piccola guida, dando un’occhiata anche alle tendenze del momento.

Come scegliere le scarpe per i bambini in base alla fascia d’età

Che sia per i primi passi o per la scuola, la scelta delle scarpe per bambini non dovrebbe essere mai lasciata al caso. Per la scelta, conta molto la fascia d’età e quella più delicata è, senza dubbio, quella che coincide con i primi passi, ovvero tra i 12 e i 14 mesi. In questa fase, le scarpine dovrebbero dare il sostegno giusto sia al piede che alla caviglia, per non ostacolare i primi passi sfilandosi. Le scarpine dovrebbero essere sì morbide e traspiranti ma, al tempo stesso, strutturate con una suola larga e la punta abbastanza flessibile.

Quando il bambino avrà iniziato a camminare, fino ai 5 anni, sarà preferibile optare per scarpe resistenti e traspiranti, con suole che siano al tempo stesso flessibili e protettive. Di grande importanza si rivelano anche le chiusure che devono essere pratiche, tali da consentire di essere indossate e sfilate in poche mosse.

Fino ai 10 anni la calzatura seguirà le fasi di crescita del piccolo e tutte le sue monellerie permettendo al piede di stare al sicuro e di muoversi in totale comfort.

Come scegliere il numero di scarpe per bambini

Non esistendo un vero e proprio standard per definire le misure obbligatorie per le scarpe da bambini, le taglie potrebbero variare (seppur nell’ordine di qualche centimetro) da produttore a produttore. Quando si sceglie il numero di scarpe, quindi, bisognerebbe tenere conto di alcuni fattori.

Il primo è che si deve lasciare lo spazio necessario al piedino, almeno un centimetro, affinché non venga ostacolato dalla scarpa. Il secondo è che il controllo della calzatura già acquistata e del piede al suo interno dovrebbe essere fatto ogni due mesi. Ciò è molto utile perché i bambini non hanno ancora il senso del tatto completamente sviluppato e potrebbero tendere ad arrotolare le dita senza dirlo.

Per poter capire meglio se la taglia è giusta per il piedino del bambino, la tecnica più accurata è quella di estrarre la soletta dalla scarpa (laddove sia possibile) e appoggiare il piede al suo di sopra. Lo spazio perfetto da lasciare è di mezzo centimetro sia al tallone che alle dita.

 

Scarpe bambini: quali scegliere

Come avviene per gli altri componenti della famiglia, anche le scarpe per bambini devono essere scelte in base alla stagione. Durante le mezze stagioni, ad esempio, la calzatura dovrebbe essere chiusa, realizzata in un materiale naturale leggero e morbido come la pelle. La classica sneaker è l’ideale.

Quando fa tanto caldo si possono scegliere le scarpe aperte anche se è importante ricordare che il sandalo completamente aperto è consigliato dai due anni in su, per evitare che il piedino non abbia il sostegno necessario durante i primi passi. Da evitare, invece, le scarpe prive di cinturino sul tallone (es. sabot) che non siano sufficientemente accollate.

Per l’inverno via libera a scarpe chiuse, impermeabili ma pur sempre con suola flessibile. Chelsea boots, stivali da pioggia e da neve in base alle varie occasioni d’uso.