Nella Tenuta della Mistica, tra il volo dei rapaci e la solidarietà

by / 1 commento
Tenuta della Mistica

C’è un posto, a Roma, dove la natura e la solidarietà si incontrano. E’ la Tenuta della Mistica, stupenda campagna alla periferia della città, tra Tor Tre Teste, Tor Sapienza e Torre Maura. Qui si può giocare a minigolf, andare al ristorante, correre nei prati e seguire il volo di un falco pellegrino o di una poiana…. Tutto in una stessa, indimenticabile, giornata.

Si percorre la Prenestina andando verso fuori, si seguono le indicazioni per via della Tenuta della Mistica e si arriva all’ampio parcheggio, con centinaia di posti auto all’ombra, coperti dai pannelli solari.

Si scende, allora, e a piedi si va alla scoperta di questo spazio bellissimo, istruttivo, solidale.

Tenuta della Mistica

Tenuta della Mistica

C’è il Parco Tutti Insieme: quattro ettari recintati e chiusi pensati per il divertimento di grandi e piccini, completamente fruibili anche dai diversamente abili, con area giochi, campo da minigolf, gazebo per picnic, biolago. E che dire delle sculture a forma di dinosauro? Mio figlio e il suo amichetto, aspiranti paleontologi, ne sono rimasti affascinati.

Poi lo spazio affidato alla cooperativa agricola Capodarco, con la Fattoria Sociale “Tenuta della Mistica”. Qui lavorano anche persone vulnerabili e con diverso tipo di disabilità, coltivando oltre trenta ettari di terreno a produzione biologica, con punto vendita al pubblico e orto didattico aperto alle scuole. Nel verde i tavoli dell’AgriRistoro, aperto a pranzo dal martedì alla domenica.

Tenuta della Mistica

Tenuta della Mistica

Tenuta della Mistica

Ma per “mangiare solidale” si può anche scegliere di attraversare la stradina costeggiata dagli ulivi e arrivare al “Mendicante”, il punto ristoro gestito dall’Associazione Volontari Capitano Ultimo onlus, aperto il sabato e la domenica con menu fisso. Nella Tenuta della Mistica l’Associazione gestisce una casa famiglia per minori orfani o che, per varie cause, siano stati allontanati dai genitori. Presenti anche ragazzi che hanno commesso reati, per i quali sia stata prevista una pena alternativa alla detenzione.

Giovani e giovanissimi con storie difficili alle spalle, ma che qui cercano di costruirsi un futuro e di tornare a sorridere. Ci riescono grazie all’impegno dei Volontari Capitano Ultimo, che hanno messo su laboratori di falegnameria, pelletteria, ferro battuto. E soprattutto il centro rapaci “Ultimo volo”, che già da solo meriterebbe la passeggiata fino alla Tenuta della Mistica.

Tenuta della Mistica

Tenuta della Mistica

Ogni domenica, alle 18, si può assistere a una dimostrazione di falconeria (il centro è aperto per i gruppi anche la domenica mattina o in altre occasioni). Niente a che vedere con le esibizioni che avevo visto in passato, in alcuni parchi divertimenti. Qui ci hanno raccontato la storia di questa antica arte, che risale a Federico II (1194-1250); ci hanno illustrato abitudini e caratteristiche dei vari esemplari, facendoceli ammirare da vicino. Abbiamo seguito il volo del falco lanario italiano, della poiana, del gufo delle nevi. E accarezzato un piccolo gufo reale africano, dalle piume morbide come pelouche. Un’emozione che non si può raccontare… Torneremo senz’altro a settembre: ci saranno nuove specie da conoscere, ci hanno promesso. E noi, alla parola dei Volontari Capitano Ultimo, non possiamo non credere.

Tenuta della Mistica

 
—–
http://www.agricolturacapodarco.it
http://www.volontaricapitanoultimo.it