Elba, l’isola di Peter Pan che non finisce mai ♡

elba

Da una vita sognavo di andare a visitare l’Elba.

In tanti me ne avevano parlato benissimo e ne sono sempre stata incuriosita.

Con grandissimo entusiasmo, tre anni fa ho accettato di partecipare al mio primo blog tour di 3 giorni sull’isola. Quando ho ricevuto la notizia non mi è sembrato vero!

Tre giorni per noi, con Ascanio a seguito, da trascorrere esplorando e scoprendo le meraviglie di questo angolo di Paradiso ancora a noi sconosciuto, approfittando del Festival dei bambini di Sant’Ilario.

Raggiungere l’Elba è stato semplicissimo. Dista solo 10 chilometri dalla costa, per cui arrivati a Piombino l’abbiamo raggiunta comodamente in un’ora di traghetto (si può arrivare anche più velocemente, con l’aliscafo o con le moderne navi veloci).

Già dall’accoglienza ricevuta in nave abbiamo iniziato ad intuire quanto l’isola d’Elba fosse family friendly: per intrattenere i piccoli c’era di tutto, dal kit per disegnare e scoprire l’isola fino alle aree gioco attrezzate con gonfiabili, palestra e piscina di palline colorate… incredibile. Un’ora è volata.

Non è un caso se all’isola d’Elba un turista su tre è un bambino.

L’Elba è la destinazione ideale per una vacanza con i bambini, in qualsiasi stagione: un’oasi di sicurezza, dotata di ogni tipo di comodità. Sia sopra che sotto il mare, all’Elba c’è sempre qualcosa da fare, per tutti e per qualunque età.

L’isola, sede del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, ha un mare meraviglioso (paradiso per i sub e per lo snorkeling!), tantissimo verde e sentieri infiniti, dove tutti possono praticare ogni tipo di attività.

Il Comune di Capoliveri, il più vicino alla struttura dove abbiamo alloggiato, ha una magnifica area pedonale dove i bambini possono correre senza pericoli (i nostri non si sono fermati un attimo! 🙂 ) e sembra un vero Museo a cielo aperto.All’interno del centro storico sono situati i veri manufatti della vicina miniera, come il carrello e le macchine che un tempo venivano utilizzate. Per i piccoli è stato molto divertente!

elba

elba

elbaSede del Parco all’Enfola – foto Ridi archivio PNAT
visit elbaStella pentagono – foto di Giuliana Gillone

elba con i bambini

elba con i bambini

Le strutture ricettive dell’Elba sono attrezzatissime per ricevere ed accogliere con amore i bambini.

Sono rimasta a bocca aperta quando nel Villaggio dove abbiamo alloggiato, entrata in camera ho trovato addirittura già montata una spondina per il letto di Ascanio. Piccoli dettagli, ma che fanno la differenza.

Perchè viaggiare con i piccoli non è sempre semplice. E sentirsi “a casa” fuori casa, coccolati da tante comodità per loro, è davvero importante per noi genitori.

elba

Mille sono i motivi validi per visitare l’Isola d’Elba.

Il tempo nel nostro weekend non è stato sempre bellissimo, eppure ci siamo divertiti alla grande! Mai avevo visitato un’isola con così tante potenzialità ed opportunità!

Le spiagge sono tantissime (circa 190) e tutte molto diverse tra di loro.

Lunghe spiagge di sabbia chiara, piccole calette di sassolini, spiagge di sabbia nera e scogliere di granito. La maggior parte sono libere ma ci sono comunque splendidi stabilimenti balneari attrezzati, dove godere di ogni tipo di comodità (cabine, lettini, ombrelloni, sport acquatici…).

Quando il tempo lo permette, anche in città, adoriamo andare in bicicletta (o meglio, in mountain bike), portando Ascanio con noi.

Con piacere immenso lo scorso weekend abbiamo scoperto che l’Elba è il luogo ideale per praticare questo sport in famiglia: il Capoliveri Bike Park si sviluppa per più di 100 km di sentieri e strade spettacolari ed interscambiabili tra loro, ed è composto da 5 percorsi permanenti segnalati, di diversa lunghezza e difficoltà.

Insieme alle altre 2 famiglie che erano con noi, abbiamo scelto il percorso da Capoliveri con direzione le Miniere di Calamita: è stato bellissimo scoprire le coste incantevoli dell’Elba dall’alto, godendo di un panorama incredibile!

elba

Arrivati alle Miniere di Calamita, l’avventura dei nostri piccoli è continuata con ancora più entusiasmo: prima di entrare nei tunnel, (come li chiama Ascanio), abbiamo visitato il Museo delle Miniere e i piccoli hanno partecipato con grande interesse ad un bellissimo laboratorio di mineralogia.

Poi, come veri minatori e cantando la canzone dei sette nani, siamo partiti tutti insieme alla ricerca dei tesori nascosti, che per millenni hanno fatto la fortuna dell’Elba.

Abbiamo incontrato fiumi azzurri, piccoli laghi dal colore rossastro e grandi caverne scavate nella roccia. I bimbi erano emozionatissimi, camminando nei labirinti di questo “mondo sotterraneo” accompagnati da mamme e papà, sperimentando insieme a noi la calamita che fa impazzire le bussole.

elba

elba

elba

elba

elba

elba

elba

E’ incredibile come all’Elba per i bambini ci sia sempre qualcosa da fare.

Non solo spiagge e mare, ma un’infinità di alternative anche per un giorno di pioggia! Dall’Acquario dell’Elba (che abbiamo visitato, a grande richiesta dei nostri figli), a parchi divertimenti come il Duna Park di Lacona e L’Isola dei Pirati, dal parco giochi al coperto Cippolandia, fino a parchi giochi veri e propri come Amadeus e Arcobaleno.

Nel nostro lungo weekend all’Elba, con mare, spiagge, pesci, tour in bici, storia e miniere, non poteva mancare un assaggio della cucina locale, con le sue tradizioni culinarie che hanno risentito di influenze orientali e spagnole, per via delle invasioni saracene e del dominio iberico dell’isola. I piatti sono stati tutti apprezzatissimi, sia da noi che dai nostri piccoli buongustai, che hanno assaporato il buon pesce elbano in tutte le salse e le forme! 🙂

Una menzione speciale la merita anche il vino dell’Elba.

E’ eccezionale e la coltura della vite ha qui origini antichissime: i muretti a secco che delimitano i vigneti risalgono a ben oltre 3000 anni fa! Prima di rientrare a Roma abbiamo fatto un’incursione lampo in enoteca… portandoci a casa un prelibato souvenir di quest’isola meravigliosa, dove non vediamo l’ora di tornare!

elba tenuta delle ripalte

elba

elba

 elba

 

elba

 

Informazioni pratiche:

Sito del turismo dell’Isola d’Elba:
www.visitelba.info

Come raggiungere l’isola via mare:

BluNavy Traghetti – http://www.blunavytraghetti.com/
Moby – http://www.moby.it/
Toremar – http://www.toremar.it/
Corsica Ferries/Sardinia Ferries – http://www.corsica-ferries.it/

In aereo:

Aeroporti Isolda d’Elba – http://www.elbaisland-airport.it/
Pisa – http://www.pisa-airport.com/

Come muoversi sull’isola:

Trasporti pubblici locali – http://www.atl.livorno.it/indextab.asp
Taxi – http://www.elbalink.it/arrivare/taxi.php
Noleggi auto – http://www.elbalink.it/noleggio-auto-elba.html
Noleggi bici – http://www.rentelbabike.it/
Noleggi barche: http://www.elbalink.it/arrivare/noleggi.php

Sicurezza e servizi:

Assistenza sanitaria ed ospedaliera necessari in caso di emergenza:
http://www.usl6.toscana.it/usl6/index.php?option=com_content&view=category&id=62&Itemid=271

Strutture ricettive:

alberghi – http://www.elbapromotion.it
camping – http://www.campingelba.net
 
Post in collaborazione con Visit Elba IT