Vacanze in barca con i bambini, prepariamoci a salpare!

by / 4 commenti

Consigli utili a chi trascorrerà le vacanze in barca con bambini, scenari, precauzioni e buoni motivi, per collezionare un’esperienza di viaggio in famiglia, tra le più appaganti in assoluto.

L’estate è arrivata, prepariamoci a salpare!

O almeno, rompiamo gli indugi, perché le vacanze in barca con i bambini non sono un azzardo, ma la formula vincente di un’estate perfetta.

Viaggiare in barca con i bambini

Di porto in porto e ogni giorno su una spiaggia diversa, i bambini in barca stanno bene, a qualsiasi età.

La vacanza in barca con i bambini è fondamentalmente un grande strumento per conoscere il mondo e va affrontata con serenità, mettendo in conto solo qualche piccolo accorgimento.

Viaggiare in barca con i bambini

La sicurezza dei bambini in barca al primo posto

Per partire nel rispetto della sicurezza e delle esigenze dei più piccoli occorre scegliere o attrezzare la barca, perché sia a prova di bambino, da poppa a prua.

E’ necessario che le draglie di entrambi i bordi siano protette da reti che evitino in modo assoluo, anche ai più piccoli,  di rischiare di cadere in acqua. Fondamentale anche la presenza di tendalini o cappotte, che creano ampie zone d’ombra, dove poter giocare al riparo dal sole, anche in navigazione.

Viaggiare in barca con i bambini

E’ indispensabile, inoltre, costruire un itinerario adatto anche ai più piccoli, scegliendo zone poco ondose e con un clima abbastanza prevedibile.

In Italia c’è solo l’imbarazzo della scelta, ma anche Grecia e Croazia sono mete perfette.

Portare i bambini in barca significa infine programmare le varie tappe della vacanza con molta attenzione, scegliendo, se possibile, tratte brevi e la possibilità di sbarcare in posti attrezzati.

Cosa non può mancare durante le vacanze in barca con i bambini

Una volta a bordo con la famiglia al completo, ci possiamo dimenticare di tutto, o quasi.

Se da un lato basta un asciugamano e un costume o due per trascorrere l’intera vacanza, dall’altro ci sono cose indispensabili, da prevedere prima della partenza.

Prima di tutto assicuriamoci di avere una scorta di solari specifici per la pelle dei bambini, con una formula, naturalmente,  resistente all’acqua.

viaggiare in barca con i bambini

La crema solare con filtro 50+ della Chicco è l’ideale per l’esposizione al sole dalla barca, perchè nutre e protegge dai raggi  UVA, UVB e dagli effetti dei raggi IR, grazie al complesso fotoprotettivo avanzato 3P Complex. Non contiene parabeni, fenossietanolo, PEG e fragranze, ma è arricchita da ingredienti preziosi come la vitamina E e l’estratto di Physalis ad azione antiossidante.

Utilissimi anche gli occhiali per proteggere gli occhietti dal riverbero del sole sull’acqua e dal vento, che spesso soffia forte.

E’ ancora Chicco, che ci viane in aiuto con i suoi occhiali con lenti certificate e  una buona qualità ottica, che possano filtrare raggi solari e riflessi fastidiosi. Sono colorati e hanno una montatura particolarmente leggera, ideali per essre ben tollerati anche dai più piccoli.

Ultimo, ma non certo per importanza, un prodotto anti zanzare, specifico per l’infanzia a base di estratti di origine vegetale,  che non irritano la pelle.

Deve essere un pugno di ferro serrato contro questo fastidioso insetto estivo, che atterra sula nostra cute e richia di disturbare sonno e vacanze.

Tutto il bello delle vacanze in barca con i bambini

Ora siamo pronti a goderci insieme ai bambini questa splendida esperienza, speciale per tutti e addirittura superlativa ai loro occhi.

Il rifugio, gli spazi angusti, i lettini sospesi, i nascondigli porta vivande, sono elementi perfetti per pensare alla barca come un habitat galleggiante da fiaba e a loro misura.

La tana ideale, dove trovano spazio immaginazione e fantasia, tesori nascosti e pirati.

Quando riusciamo poi a coinvolgerli nella vita di bordo, ci accorgiamo quanto sia semplice per i bambini entrare nello spirito giusto, collaborativo e appassionato. Tutto viene vissuto da loro come un traguardo raggiunto, con quella sorta di rispetto verso chi conosce le regole, da trasformare questa esperienza in un’autentica scuola di vita.

E’ sempre navigando che imparano che si può fare e disfare un programma, a seconda del vento, ad avere meno paura e soprattutto a cavarsela da soli.

E se i nostri figli durante le vacanze in barca ci sembrano addirittura più buoni, il motivo è semplice:

Il colore blu ha la capacità di rallentare funzioni quali il ritmo cardiaco, respiratorio e della pressione sanguigna. Circondati dal mare i battiti cardiaci rallentano e si viene invasi da una sensazione di tranquillità, armonia e appagamento.

Viaggiare in barca con i bambini

Questo a due come a 100 anni!

--

Post realizzato in collaborazione con Chicco

Condividi

About the Author

Ilaria Mercanti

PR & Press Office consultant, Travel lover, Mom.