Saper scegliere l’acqua minerale per nutrire in modo sano tutta la famiglia

by / Scrivi un commento

Scopriamo come scegliere l’acqua minerale giusta per la salute di tutta la famiglia e come orientarci tra gli elementi che la compongono, prestando magari un po’ meno attenzione alla pubblicità. E attenzione a qualche mito da sfatare

Scegliere l'acqua minerale

Nella nostra infinita lotta contro il tempo, ne abbiamo sempre troppo poco per pensare anche a come scegliere l’acqua in bottiglia.

Eppure è un impegno che ci dobbiamo prendere, per la salute di grandi e piccini, perché le acque non sono tutte uguali.

E’ vero che tutte, per essere considerate tali, devono ottenere il riconoscimento da parte del Ministero della Salute, ma la differenza tra una e l’altra è enorme e non è solo una questione di prezzo o di gusto.

A rendere unica l’acqua sono le caratteristiche del terreno e delle rocce, che trattiene durante il suo lungo e meraviglioso “viaggio sotterraneo”, quando si arricchisce di una certa quantità di minerali, in concentrazioni differenti.

Più è profonda la falda e più possiamo pensare che l’acqua sia pura e affidabile da un punto di vista igienico e di inquinamento.

Scegliere l'acqua minerale

E poi quali sono le altre regole che dobbiamo conoscere per nutrirci con l’acqua in modo sano?

Certo, anche l’acqua nutre.

I sali minerali presenti nella bottiglia sono a tutti gli effetti nutrienti inorganici con funzioni importantissime, regolatrici e plastiche.
Dal rafforzamento delle ossa all’attività muscolare, dalle funzioni intestinali a quelle enzimatiche, passando per la conduzione di impulsi nervosi e muscolari, il benessere di unghie e capelli.

Insomma, guai a pensare ad un’acqua minerale priva di calcio, elemento così importante anche in gravidanza.

Scegliere l'acqua minerale

In generale tutti i sali minerali presenti nell’acqua, a parte i nitrati, sono micronutrienti da tenere cari, soprattutto su un organismo in crescita.

E questa è la prima cosa che, andando a fondo, ci sorprende.

A tutti,  infatti,  saltano in mente le informazioni e gli spot pubblicitari martellanti, che ci “spacciano” l’acqua povera di sali come un elisir di lunga vita.

Niente di più sbagliato e addirittura anche il sodio non va demonizzato.

Il sodio, contenuto nell’acqua sotto forma di cloruro di sodio,  è un elemento chimico utilissimo per l’omeostasi dell’organismo e la funzionalità renale. La ritenzione idrica che tanto ci spaventa, dipende più dal sale e da altre sostanze contenute nei cibi che consumiamo, che nell’ acqua che beviamo.
Senza pensare, poi, al controsenso di scegliere acque in bottiglia quasi prive di sali minerali e compensare poi con pillole di calcio e magnesio, spendendo una barca di soldi in integratori.

Allora quale scegliere?

Se è tutta una questione di equilibrio, la mossa più sensata ci porta dritti a un‘acqua con un’offerta di sali minerali equilibrata.

Parlando con Andrea Vaccari  il direttore commerciale di Acqua Chiarella, abbiamo saputo che da loro questa è una sfida vinta in partenza.

Scegliere l'acqua minerale

Scegliere l'acqua minerale

Chiarella è in natura “un’acqua buona”, leggera e digestiva, che contiene il giusto equilibrio di calcio, potassio e magnesio, essenziali al buon funzionamento dell’organismo.

Il principale motivo per il quale è da consderarsi ideale per “nutrire” quotidianamente il bisogno d’acqua di  tutta la famiglia, compresi i bambini piccolissimi.

Non a caso,  in Casa Chiarella hanno ottenuto dal Ministero della Salute anche il riconoscimento di “acqua idonea per la preparazione degli alimenti dei lattanti”.

Per quanto riguarda le mamme, invece è noto che faccia bene alla pelle, alla brillantezza dei capelli e migliori addirittura la produttività sul lavoro!

Scegliere l'acqua minerale

[ask]Serve altro, vi è venuta sete?[/ask]

post in collaborazione con Acqua Chiarella