Rischi alimentari in gravidanza: 6 semplici regole da seguire

by / Scrivi un commento
Rischi alimentari in gravidanza

Quando sta per nascere un nuovo membro della famiglia fervono i preparativi per organizzare la nuova stanzetta e il corredino, in modo da accudire e proteggere il nuovo arrivato e fargli trovare tutto l’amore e il benessere necessario.

La futura mamma non deve però dimenticare che il benessere e la salute del suo bambino iniziano con la gravidanza.

Ed è in modo particolare in questa fase che lei e il bambino sono più vulnerabili.

Infatti dopo il concepimento nel corpo della donna avvengono dei cambiamenti che ne abbassano le difese immunitarie e la rendono più sensibile a contrarre malattie a trasmissione alimentare, causate dai microrganismi presenti nel cibo e inavvertitamente ingeriti come Toxoplasma, Salmonella, Campylobacter, Listeria, Escherichia coli, Virus dell’epatite A (HAV) e Norovirus.

Alcune di queste patologie possono manifestarsi nella madre con sintomi lievi e simili all’influenza come febbre, mal di testa, dolori addominali, gastrite, nausea, vomito e diarrea.

Nel feto invece possono purtroppo essere causa di conseguenze molto gravi come ritardi nello sviluppo, malformazioni e aborto.

Come evitare rischi?

1.

Non consumare carne, pesce, frutti di mare e uova crudi o poco cotti.

Mangiarli solamente se ben cotti, fino al cuore del prodotto;

Rischi alimentari in gravidanza

2.

Evitare totalmente alcuni alimenti: salumi freschi o poco stagionati (soprattutto se prodotti a livello familiare), pesce affumicato, latte crudo, formaggi poco stagionati a pasta molle prodotti a partire da latte crudo (es. brie e camembert) o erborinati (gorgonzola);

Rischi alimentari in gravidanza

3.

Lavare accuratamente frutta e verdura da mangiare crudi (soprattutto se provenienti dall’orto di casa).

Per il lavaggio è meglio utilizzare acqua corrente e detergenti alimentari a base di cloro – il bicarbonato è inefficace;

Rischi alimentari in gravidanza

4.

Mentre si cucina fare attenzione alle contaminazioni fra prodotti crudi e prodotti pronti al consumo, oppure fra utensili e superfici sporche e gli alimenti.

Le cross-contaminazioni infatti rendono vano lo sforzo di lavaggio dei prodotti dell’ortofrutta e l’abbattimento dei microrganismi determinato dal processo di cottura;

5.

Anche durante la conservazione in frigorifero è necessario separare bene fra loro prodotti come le uova, la carne e il pesce, avendo cura di separarli bene anche da verdure e da cibi cotti pronti al consumo.

Rischi alimentari in gravidanza

6.

Eventuali avanzi di cibo vanno consumati dopo un adeguato riscaldamento ad alte temperature.

 

Per far conoscere con più dettagli i possibili rischi alimentari in gravidanza causati dalla presenza di microrganismi nel cibo e gli accorgimenti da adottare per un’alimentazione sicura, vi consiglio di visitare il sito web “Alimenti & Gravidanza”, realizzato dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie all’interno di un progetto di ricerca sulla comunicazione dei rischi alimentari alle donne in gravidanza finanziato dal Ministero della Salute.