Regalami tempo, quello che sfugge.

by / Scrivi un commento
mamma Regalami tempo quello che sfugge.

Regalami tempo, quello che ti sfugge.
Basta poco. Io e te.

Regalami una notte nel lettone, io fingo di avere paura così mi stringi forte. Come solo tu sai fare.

Regalami il tuo profumo da portarmi a scuola. Quando ho malinconia. Che io possa ricordarlo e sapere che tu ci sei.

Regalami una cena sul divano. Soli io e te. Briciole ovunque.

Regalami una mattina senza sveglia. Senza corse. Del tempo perso.

Vestiti comodi, una tuta, scarpe slacciate in cui mi possa inciampare, poi tu arrivi, mi baci proprio lì dove mi fa male. E tutto passa.

Regalami una gita in Argentina, in montagna, in Australia o dove vuoi. Ma che il viaggio in macchina sia lungo.

Tu canti con la tua voce stonata e io mi addormento. E quando arriviamo fingo di dormire ancora, così mi porti in braccio.

Regalami bacini quando mi vedi. A volte lo dimentichi e io li aspetto.

Regalami una giornata senza doveri. I denti li laviamo domani. La faccia pure.

Regalami braccia aperte in fondo allo scivolo. Anche quando sarò grande e avrò paura di planare.

Regalami i sogni: la fatina dei denti, il topino, Babbo Natale.
Lo so che sei sempre tu, ma è bello svegliarsi la mattina e vedere che sei felice e la stanchezza è andata via per un attimo.

regalare il tempo ai figli

Regalami amore. Non importa come dove e perché, ma che l’aria sia leggera e soffice come una nuvola e non mi schiacci.

Regalami un pupazzo di neve. Tu ci metti la carota al posto del naso. Io i bottoni al posto degli occhi. E poi lo guardiamo dalla finestra.

Regalami pomeriggi vuoti. In cui tornare a casa, lanciare lo zaino e pensare a niente.
Che a volte è troppo.

Regalami corse in bici. Guance rosse, calzoni corti. I tuoi capelli. Io li guardo e penso che nessuno sia bella come te.

Regalami storie sul gabinetto. Io ti dico che non mi scappa così tu leggi. Ci chiudiamo a chiave io e te. E quando bussano per entrare tu rispondi: occupato.

Vorrei occupare il tuo tempo come un bambino.

Ci sono doni che non so chiederti.
Per questo domando giochi.

A quelli ci pensa Babbo Natale.
Tu regalami il resto.

Buon Natale a tutti. Soprattutto ai bimbi che non sanno chiedere. Alle madri e ai padri che fanno gli indovini. E compiono magie. Non solo a Natale.