Il nostro corpo che cambia. Il tempo passa e cambiamo noi.

by / 2 commenti
come-corpo-donna-cambia

Il tempo passa, il corpo cambia e cambiamo noi.

Ogni anno, quando arriva l’estate, lo specchio ci rimanda un’immagine nuova con cui dobbiamo fare i conti. Spogliarsi è sempre più difficile.

Le braccia non sono le stesse, la pancia è rotondetta, quella smagliatura in più, quella ruga che si è aggiunta proprio lì, e si vede in tutta la sua grandezza.

D’altronde il nostro corpo, il corpo delle donne, da quando siamo nate ci richiede dei cambiamenti.

Le prime mestruazioni, il parto, la menopausa. E ogni volta è come se fossimo delle altre persone, e ogni volta dobbiamo imparare a volerci di nuovo bene.

I miei capelli ad esempio, sono sempre stati dritti come spaghetti, poi, all’improvviso, dopo la maternità, non erano più né carne né pesce. Ho dovuto cambiare acconciature, taglio, mettere mano a qualcosa di diverso, qualcosa che non solo era cambiato dentro, ma anche fuori.

Ogni anno che passa provo qualche nuova dieta, senza molti risultati, ogni anno che passa il mio corpo aggiunge un chilo a se stesso. Come un peso. Ritorna sempre lì, a ciò che sono.

come cambia il corpo delle donne

Siamo plastiche noi donne, dobbiamo adattarci a una serie infinita di mutamenti.

Eppure lo facciamo, tutte le volte senza smettere di provarci.

Ci guardiamo allo specchio, magari ci compriamo un costume nuovo, una crema anti età, cerchiamo di essere al meglio, insomma. Difficilmente lo facciamo per noi stesse, anche se ci diciamo che è così, lo facciamo per gli altri, per piacere. Per quel desiderio spasmodico di contrastare un po’ il tempo, quel desiderio spasmodico di sentirci ancora belle.

Si dice che il corpo e l’anima, solitamente, vadano di pari passo.

Ma non sempre è vero che chi è bello fuori, è bello anche dentro. E viceversa. La bellezza, a volte, per essere scoperta ha bisogno di tempo, di spazio, di attenzione, di parole e mani gentili. Di occhi che sanno guardarci.

Non basta un costume nuovo e neppure un corpo perfetto.

Per essere belle ci vuole una vita che ci piaccia, ci vogliono persone che ci facciano stare bene, ci vuole un lavoro che ci appassioni, degli interessi che ci spingano avanti.

La bellezza è come un bel vestito, bisogna saperla portare. La bellezza è come la vita, bisogna saperla vivere.

Quello che vi auguro per quest’estate, è che il vostro corpo vi appartenga e che la vostra esistenza pure. Vi auguro una sospensione di giudizio su di voi. Che possiate volervi bene al di là degli altri, con clemenza.

Essere qui, poter guardare ancora l’orizzonte, nonostante tutto, mi sembra l’unica cosa che conti.